Comunicati stampa

Comunicato stampa | La Terra sfregiata. Conversazioni su vero e falso ambientalismo

La Terra sfregiata
Come salviamo l’umanità?

 

Mercoledì 1 luglio, per Edizioni Gruppo Abele, esce in libreria La Terra sfregiata. Conversazioni su vero e falso ambientalismo, di Luca Mercalli e Daniele Pepino. Un libro-intervista a tutto tondo sui temi dell’ambiente e dell’ecologia, fra negazionisti climatici e disastri ambientali fuori controllo.

Antropocentrismo consapevole

Il paradigma dell’economia capitalistica attuale è quello della crescita infinita: affidandosi alle risorse presenti e alle tecnologie in continua evoluzione, lo scopo è creare sempre più profitto. Tuttavia già nel 1972 il Club di Roma pubblicò il Rapporto sui limiti della crescita, che denunciava l’insostenibilità di una crescita infinita in un mondo limitato come il nostro. Il climatologo Luca Mercalli non ha dubbi: «se si continua così, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, questo mondo è destinato a implodere». Lo dimostrano i fenomeni climatici sempre più estremi, le temperature in crescita, la scomparsa degli ecosistemi che ci mette a contatto con microrganismi patogeni finora sconosciuti: se l’ambiente è malato ci ammaleremo anche noi.

E se sul lungo periodo la Terra avrà una sua evoluzione e assorbirà i colpi di alcune catastrofi temporanee, noi invece no: «dobbiamo avere un antropocentrismo di consapevolezza, che ci porti a  rispettare l’ambiente in cui viviamo proprio perché sappiamo di esserne dipendenti. Se falliamo in questo obiettivo l’umanità scomparirà».

Sana paura

Nasce da questa riflessione il libro-intervista fra Luca Mercalli e Daniele Pepino, attivista sui temi ambientali. Un saggio che tocca molti argomenti dell’ambientalismo e dell’economia – due ambiti strettamente legati – e le conseguenze sociali dei cambiamenti climatici. Cosa succederà quando milioni di persone saranno costrette a spostarsi da luoghi dove la vita non è più possibile, generando un flusso migratorio che non può essere governato? E a cosa serve l’ambientalismo di facciata delle grandi multinazionali – inquinatrici e responsabili di guerre, conflitti e disastri ecologici – che col greenwashing cercano solo altri margini di profitto mantenendo nei fatti lo status quo?

Si preferisce credere che la colpa di questi cambiamenti non sia davvero nostra – basti pensare a quanti negazionisti climatici tengano ancora banco nel dibattito pubblico – perché altrimenti dovremmo ripensare completamente il nostro approccio all’ambiente, agli acquisti, ai comportamenti personali. Serve una sana paura, come la chiama Mercalli, che ci induca a temere le conseguenze dei nostri comportamenti e ci spinga a cambiarli per salvarci. Abbiamo ancora un po’ di tempo: usiamolo bene.

Gli autori

Luca Mercalli è un meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico. Presiede la Società Meteorologica Italiana, dirige la rivista Nimbus e si occupa in particolare di ricerca sulla storia del clima e dei ghiacciai delle Alpi. Tra i suoi ultimi libri: Il clima che cambia (Rizzoli, 2019) e Non c’è più tempo. Come reagire agli allarmi ambientali (Einaudi, 2020).

Daniele Pepino vive in Alta Val di Susa, dove si occupa delle edizioni Tabor. È autore di Escartoun, la Federazione delle libertà. Itinerari di autonomia, eresia e resistenza nelle Alpi occidentali (con Walter Ferrari, Tabor, 2013). Per Edizioni Gruppo Abele è autore con Serge Latouche di Fine corsa. Intervista su crisi e decrescita (2013).

IL LIBRO